Intolleranza o allergia alimentare?

Vi siete mai chiesti quale sia la differenza tra l’intolleranza alimentare e l’allergia ad un alimento? Molto spesso i termini intolleranza e allergia sono utilizzati nel linguaggio quotidiano senza effettivamente conoscerne il significato, facciamo un po’ di chiarezza.

In primis iniziamo con il dire che l’intolleranza alimentare può essere dovuta a molteplici fattori legati ad un individuo come l’età, il sesso, fattori genetici e metabolismo. L’organismo non è in grado di tollerare la presenza di un alimento, a causa di una carenza o alterazione fisiologica nei confronti di un nutriente contenuto nell’alimento stesso, che impedisce il suo assorbimento. L’allergia invece è una reazione mediata dal sistema immunitario, causata dalla presenza di allergeni nell’alimento.

Per comprendere la differenza facciamo l’esempio del latte. Il latte è uno degli alimenti che danno più problemi in termini di intolleranza e allergia alla maggior parte della popolazione.

Il latte

Comunemente quello che beviamo può essere di tre tipologie intero, parzialmente scremato e scremato. Il latte vaccino intero contiene dal 4,7-5% di carboidrati (100% di lattosio), 3,5% di grassi e 3,2% di proteine e la restante parte è costituta da acqua. Nel latte parzialmente scremato e scremato quello che varia è la percentuale di grassi: 1,8% nel parzialmente scremato e 0,2-0,5% nel latte scremato.

Il latte materno invece presenta la seguente composizione chimica:

  • 7-7,5% di carboidrati (95% di lattosio e 5% di oligosaccaridi non digeribili)
  •  4,2% di grassi (acidi grassi a media e corta catena)
  •  1,3% di proteine (35% di caseine e 65% di sieroproteine più facilmente digeribili per il lattante)
  • 0,03 % di calcio
  • 7,5 microgrammi di ferro
  • 80-85% di acqua
    L’intolleranza è causata dallo zucchero del latte, il lattosio; mentre l’allergia è dovuta alle sieroproteine del latte.

Intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio è dovuta alla carenza o mancanza di particolari enzimi chiamati lattasi. Le lattasi sono enzimi appartenenti alla grande famiglia delle beta- galattosidasi, che idrolizzano il lattosio che è uno zucchero disaccaride (formato da due unità) in galattosio e glucosio, i due monosaccaridi che lo compongono. Il lattosio perciò non è digerito e fermenta nell’intestino causano una serie di problematiche come gonfiore, flatulenze, diarrea e crampi addominali. L’intolleranza è diagnosticata con il test del respiro in cui viene misurata la concentrazione di anidride carbonica prodotta dalla fermentazione dello zucchero; oppure può essere fatta una biopsia al duodeno, una parte dell’intestino tenue. L’intolleranza può essere di tre forme:

  • transitoria (interessa i lattanti nati prematuri con un corredo enzimatico ancora incompleto)
  • primaria (può essere congenita anche se rara oppure acquisita tra i 30 e 40 anni di età)
  • secondaria (causata da altre patologie come la celiachia non trattata e la sindrome del colon irritabile)

Se vi chiedete cosa l’intollerante possa assumere in sostituzione al latte vaccino, la risposta è formaggi stagionati, yogurt, latte di soia, latti delattosati (in cui è stato eliminato più del 90% del lattosio, aggiungendo lattasi) e infine latte lattosio-free.

Allergia alle proteine  del latte

L’allergia al latte è dovuta alle sieroproteine che sono percepite dal sistema immunitario come sostanze estranee e in risposta vengono prodotti anticorpi, in particolare immunoglobuline IgE.

L’allergia è più pericolosa dell’intolleranza e nei casi più gravi portare ad infiammazione, eritemi, gonfiore, edemi e shock anafilattico che può essere fatale se non trattato tempestivamente. Gli allergici dovrebbero evitare latte e derivati, ma ultimamente è aumentata la produzione del latte ipoallergenico che può essere consumato. Il latte ipoallergenico è prodotto trattando il latte con alte temperature che degradano le proteine oppure aggiungendo proteasi, enzimi che idrolizzano le sieroproteine in peptidi più piccoli abbassando il rischio di una risposta allergica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

error: Content is protected !!